02 feb 2007

Il telefono no, non l'avevo considerato Coming soon

Dunque dunque, l'argomento tira e non si può negare, ne parlano tutti: radio, giornali, siti, telegiornali, blog, addirittura all'estero; quindi chi sono io per tirarmi indietro.
Anche perchè gli argomenti trattati mi interessano parecchio, cioè figa e berlusconi.
Ok Ok detto così sembra un ossimoro e fa anche abbastanza vomitare pensare ad una figa bassa con le orecchie molto grandi, il riporto artificiale, le scarpe da uomo coi tacchi, che ride sempre e per di più unta dal signore....
Però l'arogmento della settimana è questo e quindi mi ci butto.
Tra le miglia di passioni e interessi dell'ex presidente del consiglio (eccelle in tutte (dice lui)) una sola ci accomuna, come si evince dai miei post precedenti e dalla sua bava ai telegatti cioè la patata, ed è proprio per questo che il mio intervento in questo rarissimo ed eccezionale caso sarà sbilanciato a suo favore e contro la sua bella mogliettina.
Carissima Veronica ma tra tutte le stronzate dette e fatte da tuo marito... (e sono tantissime) te la dovevi prendere con la più naturale ed italiota di tutte ? chi non avrebbe detto (anche solo per fare lo sborone davanti agli amici) quello che ha detto lui davanti alla Yespica ?? quale italiano non avrebbe promesso mari e monti alla patata di turno per poi aggiugnere... se non fossi sposato però.
Dai oggi sono buono, voglio aiutarti cara Veronica facendo un piccolissimo elenco delle cose per cui tu NON hai scritto nessuna lettera a Repubblica, così magari lo fai ora, tanto come si fa lo sai già.

(ndk: elenco reperito in rete)

OTT 2001:Il simpatico nano dichiara che l'Occidente è superiore all'islam e al mondo arabo Lettere pervenute a Repubblica: nn (e neanche al Corriere)

FEB 2002: Il simpatico premier eleva il livello culturale di un meeting di primi ministri (o ministri dell'economia non ricordo) come un banale studente in gita alle medie. Lettere pervenute a Repubblica: nn. (e neanche alla Stampa)

SET 2002: alla domanda come mai la polizia ha usato dei pedalò per recuperari cadaveri di immmigrati clandestini affogati in seguito ad un naufragio il simpatico unto rispose: "In certi casi i pedalò sono utili. Nessuno (dei cadaveri) si è lamentato". Lettere pervenute a Repubblica: nn. (e neanche al Giornale hauhuahu)

DIC 2002: "I più svegli riusciranno sicuramente a trovare un secondo lavoro, anche non regolare" dice simpaty, incoraggiando i lavoratori licenziati della Fiat a cercare un lavoro in nero. Lettere pervenute a Repubblica: nn. (e neanche all'Unità huauhauh)

GIU 2003: "Tutti i cittadini sono uguali (davanti alla legge) ma forse il sottoscritto è un po' più uguale degli altri, visto che il 50 % degli italiani gli ha dato la responsabilità di governare il Paese" dice l'erede di Totò in un'udienza del processo per corruzione a Milano. Lettere pervenute a Repubblica: nn. (e neanche al Messaggero)

LUG 2003:Il cordiale amante della patata da del Kapò nazista ad un tedesco al parlamento europeo.Lettere pervenute a Repubblica: nn. (e neanche al Giorno)

Vabbè mi fermo qui che devo lavorare, le figuracce sono tantissime qui trovate l'elenco, e per nessuna di queste Veronica ha alzato la voce, mentre lo ha fatto per una stupida gelosia come una comare qualunque di una famosa canzone di Faber... a VVeròò... ma vaff.....


Coming soon... i'm working :P

2 commenti:

JohnLocke ha detto...

peccato che tu da vero ignorante e giustizialista non sappia che il gesto delle corna berlusconi lo faceva agitando la mano per dire a dei bambini lì di fronte (che compivano il cornifero gesto ai danni di un loro coetaneo) che così non si fa. E ciò è dimostrato:

1) dal fatto che Berlusconi ha lo sguardo rivolto verso quei bambini

2) dal fatto che dall'immagine si può ben capire come la mano sia in movimento per dire "non si fa"

3) dal fatto che io ero lì e ho visto la scena sentendo anche le parole di berlusconi

quindi, o sai di che parli o stai zitto. In questo caso la seconda.

ciao, JohnLocke

kavia ha detto...

cavolo mi spiace quel giorno io ero all'incoronazione della regina Elisabetta, prima ero stato invitato ad inaugurare il Titanic e qualche mese dopo ho aperto il nuovo Wembley, quella me la sono persa, grazie per il racconto, ora sono più sereno.